Cerca nel sito
CRAL 06-68809216 Turismo 06 - 95550639
Data: 23 Ott 2018
Località: Sud Africa
Prezzo: 3090 €
Chiedi informazioni

Sud Africa –  Sulla traccia delle Origini dell’Umanità

14 giorni – 11 notti  Partenza da Roma

SUD AFRICA

Programma

 

1° GIORNO 23/10/2018: ROMA / MONACO / JOHANNESBURG

Ritrovo dei partecipanti presso l’Aeroporto di Fiumicino e incontro con l’accompagnatore che vi assisterà durante il viaggio. Partenza da Roma con volo di linea LH1845 ore 15.45-17.15 per Monaco. Arrivo e prosecuzione in coincidenza per Johannesburg con volo di linea SA265 ore 21.05/07.40# per Johannesburg. Pasti e pernottamento a bordo.

2° GIORNO 24/10/2018 : JOHANNESBURG  /  PORT ELIZABETH

Arrivo a Johannesburg, disbrigo delle formalità doganali e check in sul volo di linea SA405 ore 10.45-12.20 per Port Elizabeth. Arrivo e trasferimento in pullman privato in città. Sistemazione presso l’Ibahyi Lodge**** o simile. Pranzo libero. Pomeriggio di relax dopo il lungo viaggio. Cena e pernottamento. Port Elizabeth è una delle principali città portuali del Sudafrica situata nella Provincia del Capo Orientale, sulla costa meridionale (Oceano Indiano), equidistante (800 km) sia da Città del Capo a Ovest che da Durban a Est.La baia su cui si affaccia la città, Algoa Bay, comprende anche Uitenhage e Despatch, che formano con Port Elizabeth una zona urbana praticamente ininterrotta. Pochi chilometri a nord di Port Elizabeth si trova l’ingresso nell’Addo, uno dei parchi nazionali più importanti del Sudafrica. Port Elizabeth è un importante polo industriale e culturale. È sede di numerosi stabilimenti automobilistici e di una delle principali università del Paese, la Nelson Mandela Metropolitan University. Dal 1998 mantiene rapporti di collaborazione con la città svedesedi Göteborg, ed è gemellata con Jacksonville in Florida.

3° GIORNO 25/10/2018 : PORT ELIZABETH / ADDO ELEPHANT NATIONAL PARK / PORT ELIZABETH

Prima colazione al lodge. Intera giornata dedicata ai fotosafari all’interno dell’Addo Elephant National Park, l’unico parco al mondo ad ospitare i cosiddetti Big 7: elefante, rinoceronte, leone, bufalo, leopardo, balena e squalo bianco. Pranzo in corso di attività. Rientro al lodge. Cena e pernottamento.  Parco nazionale Addo ElephantAddo Elephant National Park in inglese, Addo Olifantpark in afrikaans, è uno dei venti parchi nazionali del Sudafrica. Si trova nella provincia del Capo Orientale, circa 70 km a nordest di Port Elizabeth. Il territorio del parco è costituito di zone a vegetazione bassa, simili a steppa, e aree semi-desertiche.  Nel suo complesso, il Greater Addo Elephant National Park è molto probabilmente l’unico parco al mondo a ospitare i cosiddetti Big 7 (“i grandi 7”): elefante, rinoceronte, leone, bufalo, leopardo, balena e squalo bianco. Gli elefanti femmina del parco Addo sono sprovvisti di zanne. Questa caratteristica è dovuta al ristretto bacino genetico da cui la popolazione degli elefanti dell’Addo discende (11 esemplari), e dal fatto che questa popolazione originaria era costituita dagli ultimi individui risparmiati dai cacciatori, proprio a causa delle dimensioni ridotte delle loro zanne.

4° GIORNO 26/10/2018 : PORT ELIZABETH / MOSSEL BAY

Prima colazione al lodge. Partenza per Mossel Bay. Percorrendo la mitica Garden Route, si attraverseranno il Parco Nazionale Tsitsikamma, foresta primaria celebre per le numerose specie di fiori che vi crescono spontaneamente e per lo Yellow Wood, grande albero sempreverde dichiarato albero nazionale del Sudafrica. Pranzo al sacco in corso di viaggio. Si passa per Knysna, che sorge principalmente sulla costa settentrionale di una grande laguna d’acqua calda, in cui sfocia il fiume omonimo e  protetta dall’oceano da due imponenti scogliere conosciute con il nome di “The Heads”. Si prosegue per Mossel Bay con arrivo in serata. Sistemazione presso il Pinnacle Resort***S o simile. Cena e pernottamento.

5° GIORNO 27/10/2018 : MOSSEL BAY

Prima colazione in hotel. Mattina dedicata alla visita del sito paleontologico “Point of Human Origins”, di recente scoperta. Resto della giornata dedicata a una passeggiata guidata tra le baie deserte con sosta per il pranzo in spiaggia (condizioni atmosferiche permettendo). Rientro in hotel. Cena e pernottamento. Mossel Bay Si trova a metà strada fra Città del Capo e Port Elizabeth. È considerata la città più importante della Garden Route, la strada che costeggia la costa meridionale del Sudafrica. Il Guinness dei Primati la cita come il luogo con il clima più mite del mondo dopo le Hawaii. La costa della zona di Mossel Bay rappresenta una delle zone più adatte del Sudafrica (e del mondo) per il whale watching; balene di diverse specie si avvicinano alla costa per allattare i piccoli da giugno a novembre. Molte altre specie marine sono osservabili nei pressi della baia; fra le altre, alcune specie di otarie, delfini, squali e pinguini. La baia si trova nel Cape Floral Kingdom, una eco-regione floristica dove si trovano una grande quantità di specie vegetali endemiche. Il tipo di vegetazione più diffusa è quella che viene detta fynbos.

6° GIORNO 28/10/2018: MOSSEL BAY / SWELLENDAM / CAPE TOWN

Prima colazione in hotel. Si parte alla volta di Cape Town con sosta per il pranzo nella città di Swellendam, terza città importante nell’avanzamento degli olandesi nel continente. Si prosegue con la visita del Drostdy Museum e ripartenza per Cape Town con arrivo previsto nel pomeriggio inoltrato. Sistemazione presso il President Hotel**** o simile. Cena e pernottamento. Città del Capo (in afrikaans Kaapstad, in xhosa iKapa, in inglese Cape Town) è la capitale legislativa del Sudafrica i suoi abitanti si chiamano capetoniani, da Cape Town. Storicamente, Città del Capo fu il primo insediamento europeo del Sudafrica; tutta la storia del Sudafrica moderno, dallo storico sbarco dei primi coloni olandesi al primo discorso di Nelson Mandela dell’era post-apartheid, ha lasciato qui tracce culturali e architettoniche. Gli antichi edifici in stile Cape Dutch coesistono con moderni grattacieli e lussureggianti giardini botanici. Città del Capo è dotata di un aeroporto internazionale e può considerarsi la capitale del turismo del Sudafrica. I numerosi visitatori sono attratti sia dalla città in sé che dalle bellezze naturalistiche della Penisola del Capo; molti tour del Paese partono da qui, imboccando poi le celebri strade come la Mountain Route, la Wine Route o la Garden Route, dirigendosi verso il Karoo, il distretto di Cape Winelands o la costa meridionale.Il centro della città, detto City Bowl (“conca cittadina”) si trova in una depressione in mezzo a numerosi rilievi, tra cui il più noto è il caratteristico Tafelberg (Table Mountain, “Montagna-tavolo”), che con la sua sommità pianeggiante sovrasta la città. La cima della montagna è spesso coperta da una nube, che, per analogia, viene chiamata “la tovaglia” (table cloth). Oltre al Tafelberg, il territorio cittadino include altre cime: Lion’s Head (“testa di leone”), Devil’s Peak (“picco del diavolo”), Twelve Apostles (“dodici apostoli”) e Signal Hill (“collina del segnale”). La City Bowl si affaccia sull’Oceano Atlantico a nord-est, e precisamente sulla Table Bay, in cui si trova l’isola di Robben Island. 

7° GIORNO 29/10/2018 : CAPE TOWN

Prima colazione in hotel. Partenza per la visita della Penisola del Capo, riserva naturale che ospita numerose specie di uccelli, struzzi, antilopi, gnu, facoceri e babbuini. Si passa per Sea Point, Camps Bay, Clifton e Hout Bay, da dove ci si imbarca per una breve crociera all’Isola delle foche. Prosecuzione per Simon’s Town per la visita di Boulders Beach dove sarà possibile ammirare un’interessante colonia di pinguini. Alcuni anni fa ne arrivò su questa piccola spiaggia un piccolo nucleo e, dopo le prime difficoltà d’impatto, si sviluppò una vera e propria colonia oggi protetta.  Pranzo. Nel primo pomeriggio partenza per il Capo di Buona Speranza, fino a raggiungere, in funicolare, il punto panoramico di Cape Point e poi la famosa spiaggia di Bartolomeo Diaz. Al termine partenza per Rientro a Cape Town. Cena e pernottamento.

8° GIORNO 30/10/2018: CAPE TOWN

Prima colazione in hotel. Ascesa alla Table Mountain (tempo atmosferico permettendo) per godere della impareggiabile vista sulla città e sull’intera baia della tavola. Prosecuzione per le Winelands per un assaggio dei deliziosi vini sudafricani e pranzo in una bellissima Wine Estate. Pomeriggio passeggiata a Stellenbosch una delle città storiche dove ammirare l’architettura Cape Dutch e fare un po’ di shopping!. Rientro in hotel nel pomeriggio inoltrato. Cena e pernottamento.

9° GIORNO 31/10/2018: CAPE TOWN / JOHANNESBURG / MPUMALANGA

Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per l’imbarco sul volo di linea SA316 ore 08.50-10.45 per Johannesburg. Arrivo e partenza in pullman privato per la regione di Mpumalanga. Pranzo in ristorante in corso di trasferimento. Arrivo e sistemazione presso il Pine Lake Inn**** o simile. Cena e pernottamento. Mpumalanga  è una provincia del Sudafrica, precedentemente chiamata Eastern Transvaal; il nuovo nome, adottato nel 1995, significa “il luogo dove sorge il Sole” in lingua Zulu. Mpumalanga si trova nella parte nordorientale del Paese; confina a nord con la provincia di Limpopo, a overst con le province di Gauteng e di Free State, a sud con la provincia di KwaZulu-Natal, e a est con Swaziland e Mozambico. La sua estensione rappresenta il 6.5% dell’area complessiva del Sudafrica. La capitale è Nelspruit. Prima del 1994, faceva parte della provincia del Transvaal.

10° GIORNO 01/11/2018: MPUMALANGA

Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita della regione di Mpumalanga percorrendo l’itinerario della Panorama Route nella Blyde River Canyon Nature Reserve, che occupa una superficie di 26.000 ettari e si estende per 60 km lungo la spettacolare valle rocciosa formata dal fiume Blyde, una delle meraviglie del Sudafrica. Diversi sono i punti panoramici che si snodano nel suo percorso: le Three Rondavels, tre imponenti rocce cilindriche che si ergono a cupola, le Bourke’s Luck Potholes, buche scavate nella roccia dai mulinelli formati dai fiumi Blyde e Treur, le straordinarie Lisbon Falls, e il Pinnacle, un agglomerato roccioso di quarzite che raggiunge i 30 metri di altezza e spunta dalla scarpata, la God’s Window (“ la finestra di Dio”) che consente una magnifica vista sul Lowveld che si estende 1.000 m più sotto, le cascate e piscine Mac Mac nelle cui acque cristalline è possibile bagnarsi. Pranzo in corso di escursione. Rientro in hotel nel tardo pomeriggio. Cena e pernottamento. Panorama Route  L’ itinerario si snoda dall’impervia catena montuosa dei Drakensberg fino al Kruger National Park, toccando i siti di God’s Window, le Bourke’s Luck Potholes, i Tre Rondavels, le cascate Mac Mac e il Blyde River Canyon: un susseguirsi di ruscelli di montagna, colline ondulate, cascate spettacolari e imponenti gole montuose. Le cittadine di Lydenberg e White River si trovano all’inizio della Panorama Route. Altri piccoli centri sono Sabie, Graskop, Orighstad, Hoedspruit e Hazyview. La cittadina più famosa è Pilgrim’s Rest, una specie di museo vivente dedicato all’epopea della corsa all’oro. Il Blyde River Canyon è una gola verdeggiante lunga 33 km: uno dei luoghi migliori in Sudafrica per il birdwatching. La God’s Window è il punto panoramico più spettacolare di tutta la Riserva del Blyde River Canyon. Altri siti degni di nota sono: le Bourke’s Luck Potholes, formazioni rocciose cilindriche create nel corso di milioni di anni dal movimento rotatorio delle acque del fiume; i Tre Rondavel, con una forma che ricorda le costruzioni a tetto conico degli africani; e la sommità del Long Tom Pass, il passo di montagna che prende nome dal cannone usato dai boeri durante la guerra anglo-boera.

11° GIORNO 02/11/2018: MPUMALANGA / RISERVA PRIVATA

Prima colazione in hotel. Partenza in direzione della riserva privata. Sistemazione presso la Makalali Game Reserve****S o simile. Nel pomeriggio primo fotosafari nella riserva alla ricerca del Big Five!. Rientro al lodge. Cena e pernottamento. Makalali Game Reserve  Si trova nella provincia del Limpopo a circa 35 km a nord dell’aeroporto di Hoedspruit, 50 km dal Parco Kruger e a circa 5 ore di strada da Johannesburg. La riserva, di circa 26.000 ettari, sorge nei pressi della catena montuosa del Drakensberg ed è una delle più rinomate tra quelle che non confinano con il Parco Kruger. Qui si possono vedere parecchie specie di animali tra cui i famosi “Big Five”: leoni, leopardi, elefanti, bufali e rinoceronti. La riserva è privata e, al suo interno, vi è soltanto il Makalali Private Game Lodge.

12° GIORNO 03/11/2018: RISERVA PRIVATA

Intera giornata dedicata al fotosafari nella riserva privata per osservare i cinque grandi mammiferi africani e tutta la fauna della riserva. I safari sono guidati da esperti ranger parlanti inglese e vengono effettuati a bordo di veicoli fuoristrada scoperti. Generalmente il safari mattutino ha luogo la mattina presto e termina in tarda mattinata, mentre quello pomeridiano inizia a metà pomeriggio e termina dopo il tramonto. Tra novembre e marzo, le piogge danno alla vegetazione rigogliosa colori brillanti e, trattandosi del periodo della riproduzione, ci sono maggiori possibilità di avvistare gli animali con i loro cuccioli. Trattamento di pensione completa.

13° GIORNO 04/11/2018 : RISERVA PRIVATA / PRETORIA / JOHANNESBURG / MONACO

Ultimo safari nella riserva al mattino. Dopo colazione trasferimento all’aeroporto di Johannesburg con una sosta a Pretoria per un city tour. Pranzo in corso di escursione. Prosecuzione per l’aeroporto in tempo utile per il volo di linea SA264 ore 21.15-07.00# per Monaco. Pasti e pernottamento a bordo.

14° GIORNO 05/11/2018: MONACO /ROMA

Arrivo e prosecuzione con volo di linea LH1842 ore 08.45-10.15 per Roma. Fine dei servizi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: