Cerca nel sito
CRAL 06-68809216 Turismo 06 - 95550639
Data: 29 Giu 2019 - 30 Giu 2019
Località: Napoli
Prezzo: 170 €
Chiedi informazioni

Napoli: Museo Di Pietrarsa, Catacombe Di San Gennaro & Pompei Con Le Nuove Domus weekend in bus Gt

week end museo di pietrarsa, pompei e catacombe s.gennaro 29 giugno c

1° GIORNO: ROMA – MUSEO DI PIETRARSA – CATACOMBE DI SAN GENNARO – GRAGNANO

Raduno dei partecipanti nei luoghi convenuti, sistemazione in Bus G.T. e partenza per Napoli. Arrivo e visita del Museo di Pietrarsa: in questo luogo è nata la storia delle ferrovie italiane. Il 3 ottobre 1839 nel Regno delle Due Sicilie veniva inaugurata la prima strada ferrata d’Italia. Era lunga 7.411 metri e congiungeva Napoli a Portici, sulla stessa direttrice della linea Napoli-Salerno, che oggi costeggia l’area del Museo. Il tragitto fu percorso in 11 minuti da due convogli progettati dall’ingegnere Armand Bayard de la Vingtrie, su prototipo dell’inglese George Stephenson. L’anno dopo veniva emanato il Decreto Reale per l’acquisto di una prima parte del terreno su cui sarebbe sorto il complesso di Pietrarsa, in una località in cui in epoca napoleonica era di stanza una batteria da costa, a difesa della rada di Napoli. L’obiettivo di Ferdinando II era ambizioso: affrancare il suo regno dalla supremazia tecnologica di Inghilterra e Francia. Nel 1842 veniva costruito il primo edificio del complesso. L’anno successivo un rescritto reale destinava l’officina, inizialmente vocata alla produzione di materiale meccanico e pirotecnico per le necessità della marina e della guerra, alla costruzione e alla riparazione di locomotive e vagoni ferroviari. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita delle Catacombe di San Gennaro: disposte su due livelli non sovrapposti, entrambi caratterizzati da spazi estremamente ampi, a differenza delle più famose catacombe romane. Questo grazie alla lavorabilità e alla solidità del tufo. Il nucleo originario delle Catacombe di San Gennaro risale al II secolo d.C. Si tratta, probabilmente, del sepolcro di una famiglia gentilizia che poi donò gli spazi alla comunità cristiana. L’ampliamento iniziò nel IV secolo d.C. in seguito alla deposizione delle spoglie di Sant’Agrippino, primo patrono di Napoli, nella basilica ipogea a lui dedicata. Un’unica navata scavata nel tufo, che conserva ancora una sedia vescovile ricavata nella roccia e l’altare con un’apertura, in cui i fedeli potevano vedere e toccare la tomba del santo. Al termine delle visite, trasferimento in hotel, cena e pernottamento

 2° GIORNO:                        POMPEI – ROMA

Prima colazione in hotel, Partenza per la visita guidata degli Scavi di Pompei con particolare attenzione alle nuove Domus riscoperte recentemente. Al termine visita di un pastificio di Gragnano e speciale pranzo a base di pasta di Gragnano e specialità locali. Possibilità di acquistare la pasta direttamente in fabbrica.

Partenza per il rientro a Roma con arrivo previsto in serata

   

Per motivi tecnici l’ordine delle visite potrebbe essere modificato