Cerca nel sito
CRAL 06-68809216 Turismo 06 - 95550639
Data: 24 Set 2018
Località: Etiopia
Prezzo: 2630 €
Chiedi informazioni

Valle dell’Omo & Rotta storica – Etiopia

13 giorni – 10 notti  Partenza da Roma

ETIOPIA
Langano

Langano

 

Programma  Valle dell’Omo & Rotta storica – Etiopia

 

1° GIORNO 24/09/2018: ROMA / ADDIS ABEBA

Ritrovo dei partecipanti presso l’Aeroporto di Fiumicino. Partenza da Roma con volo di linea ET 703 delle ore 23.55 con arrivo ad Addis Abeba alle 06.45 del giorno seguente. Pasti e pernottamento a bordo.

 

2° GIORNO 25/09/2018: ADDIS ABEBA / LANGANO

Arrivo ad Addis Abeba, disbrigo delle formalità doganali e incontro con la guida parlante italiano. Prosecuzione per Langano. In corso di trasferimento visita dei siti archeologici di Melka Kunture e Tiya tra i Patrimoni dell’Unesco: vantano molte stele funerarie antiche, decorate con incisioni misteriose di cui ancora oggi non si conosce il significato e l’origine. Pranzo in corso di viaggio. Arrivo a Langano e sistemazione presso il Sabana Lodge o simile. Cena e pernottamento.    

 

3° GIORNO 26/09/2018:  LANGANO / CHENCHA / ARBA MINCH

Prima colazione al lodge. Partenza al mattino presto in direzione di Arba Minch. Pranzo in corso di viaggio. Durante il percorso, se tempo a disposizione, visita del villaggio Dorze, uno dei piccoli segmenti etnici dell’Etiopia del Sud. Nel pomeriggio si assisterà al Festival Meskel che si terrà a Chenca o Arba Minch (il luogo della celebrazione verrà comunicato dalla guida). Sistemazione presso il Paradise Lodge o simile. Cena e pernottamento. Dorze – Un tempo guerrieri, ora i Dorze vivono di agricoltura e tessitura. Ogni abitazione in questi villaggi ha il suo piccolo giardino con aiuole di spezie, tabacco e ortaggi. FESTIVAL MESKEL  Meskel è uno dei maggiori festival ortodossi etiopici. La leggenda narra che nell’anno 326, la regina Elena (Imperatrice Elena) la madre di Costantino il Grande, scoprì la croce su cui Cristo fu crocifisso. Incapace di trovare il Santo Sepolcro, pregò per ricevere aiuto e fu diretta dal fumo di un fuoco ardente sul punto in cui era sepolta la croce. Dopo aver dissotterrato la Santa Croce, la Regina Helena accese le torce annunciando il suo successo. Il festival di Meskel è suddiviso in due giorni. Il primo è Demera (26 settembre), in cui vengono costruiti falò sormontati da una croce a cui sono legati i fiori. I fiori sono margherite Meskel.  Il Patriarca della Chiesa ortodossa etiope orchestra la cerimonia del fulmine. Dopo che i falò sono stati benedetti, si accendono e ballano e il canto inizia intorno a loro. I sacerdoti in completo vestito da cerimonia cantano attorno al falò.  Alla chiusura della Demera si prevede che una pioggia cada per aiutare a spegnere il fuoco. Se la pioggia cade e il fuoco si spegne, c’è la convinzione che l’anno sarà prosperoso. Il giorno dopo la Demera è Meskel. Questo giorno è celebrato con abbondanza di cibo e bevande, mentre i credenti si recano sul posto della Demera e, usando la cenere dal fuoco, segnano le loro teste con il segno della croce.

 

4° GIORNO 27/09/2018:  ARBA MINCH / KONSO / JINKA

Prima colazione al lodge. Partenza verso Konso dove si visita uno dei villaggi del popolo Konso e la casa dell’Imperatore dei Konso. Prosecuzione per Jinka con sosta per la visita del mercato settimanale di Key Afer. Pranzo al sacco in corso di escursione. Arrivo a Jinka e sistemazione presso l’Eco Omo Lodge o simile. Cena e pernottamento. Konso – questo popolo possiede delle  tradizioni molto interessanti: pur essendo di religione cattolica, cristiana ortodossa o musulmana, effettua ancora riti pagani e sacrifici animisti in onore della divinità da cui credono discendano loro stessi ed i loro antenati. Osservano e studiano la luna (“lea”) e le stelle (“hikka”) per prevedere il futuro. In onore dei loro defunti vengono eretti  totem in legno dal nome “waqa”, che possono raggiungere anche un metro e mezzo di altezza e risalire a ben 150 anni fa.

 

5° GIORNO 28/09/2018:  JINKA / MURSI / TURMI

Prima colazione al lodge. Partenza al mattino molto presto per un’escursione al Mago National Park per visitare un villaggio Mursi. Mattina interessante a contatto con questa cultura unica. Rientro a Jinka e prosecuzione per Turmi con pranzo in corso di escursione. Arrivo e se tempo a disposizione visita di un villaggio Hamer . Sistemazione presso il Buska o Turmi Lodge o simile. Cena e pernottamento. Mursi – l’inserimento di dischi di legno e di terracotta nei lobi delle orecchie è praticato da molte popolazioni ma solo tra le donne Mursi tale inserimento avviene nel labbro inferiore. Per quanto questi dischi labiali possano apparire bizzarri, i Mursi li considerano segni di bellezza e, in genere, più il disco è grande più è apprezzata la donna che lo porta. Si tratta di un’etnia che vive di agricoltura e allevamento, completamente isolata dal resto del mondo

Hamer – un popolo di allevatori dalle caratteristiche acconciature: le donne indossano solo gonnellini in pelle adornate da conchiglie. Se sposate cingono attorno al collo un pesante collana di pelle e metallo. Le ragazze nubili hanno un disco metallico infilato fra i cappelli. Gli uomini hamer si modellano sulla testa piccole calotte di argilla sormontate da penne di struzzo. Si muovono stringendo fra le mani il “borkota”: appoggia testa di legno.

 

6° GIORNO 29/09/2018:  TURMI / OMORATE / DIMEKA / KONSO

Prima colazione al lodge. Si prosegue fino ad Omorate. Si attraversa il fiume Omo per visitare il villaggio e popolazione di Dassanech. Al termine rientro a Turmi e pranzo. Prosecuzione per Konso con sosta a Dimeka per la visita del caratteristico mercato settimanale del popolo Hammer. Si continua in direzione di Konso. Sistemazione presso il Kanta Lodge o simile. Cena e pernottamento.  Dassanech – o Galeb, la loro economia si basa principalmente sull’allevamento del bestiame e negli ultimi anni si dedicano anche all’agricoltura e alla pesca, le loro abitazioni sono a forma di cupola, originari del Kenia sono da anni in fuga perseguitati dall’ espansione di altri gruppi tribali ostili.

 

7° GIORNO 30/09/2018: KONSO / ARBA MINCH / ADDIS ABEBA

Prima colazione al lodge e partenza per Arba Minch. Arrivo ed escursione in barca sul lago Chamo per visitare il “mercato dei coccodrilli” con i coccodrilli più lunghi dell’ Africa, ippopotami e diverse specie d’uccelli. Pranzo e trasferimento in aeroporto in tempo per il volo ET135 per Addis Abeba. Arrivo e sistemazione presso l’Elilly Hotel o simile. Cena in un ristorante tipico con canti e balli tradizionali. Rientro in hotel. Pernottamento.

Addis Abeba è una città molto giovane rispetto al paese. In Amharic, Addis Abeba significa “fiore nuovo”. Fondata nel 1886 dall’imperatore Menelik II, gode di un ottimo clima tutto l’anno, con una temperatura media di 25 ° C. Addis Ababa è una città piacevole con ampi viali di jacaranda, musei interessanti e uno dei più grandi mercati all’aperto in Africa, conosciuto come il Mercato.

 

 

8° GIORNO 01/10/2018: ADDIS ABEBA / BAHER DAR

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto in tempo per il volo ET144 delle 11.45 per Baher Dar con arrivo previsto alle ore 12.45. Pranzo e a seguire escursione in barca sul Lago Tana per visitare il monastero di Ura Kidane Mihret. Sistemazione presso l’Avanti Blu Hotel o simile. Cena e pernottamento.  Gli edifici che compongono tutto il complesso del monastero di Ura Kidane Meret, incluse le abitazioni dei monaci ed il museo, sono costruiti con fango e paglia compressi. La porta del tempio lascia intravedere già dall’esterno gli spettacolari dipinti dai colori sgargianti. Questi dipinti, in eccellente stato di conservazione, sono un compendio dell’iconografia religiosa etiope. I dipinti del monastero di Ura Kidane Meret rappresentano prevalentemente scene legate alla religione come ad esempio l’ ultima cena. La chiesa di Ura Kidane Mihret  è aperta anche alle donne e si pensa sia tra le più belle della regione.

 

9° GIORNO 02/10/2018: BAHER DAR / GONDAR

Prima colazione in hotel. Partenza al mattino presto in direzione di Gondar con arrivo previsto per pranzo. Nel pomeriggio city tour. Si visiteranno il famoso complesso dei Castelli di Gondar, la chiesa di Debre Birhan Selassie ed il Bagno del Re Fasiladas. Sistemazione nel vostro hotel (Taye o Goha o Land Mark Hotel o simile). Cena e pernottamento.  Gondar fu la prima capitale dell’Impero etiopico, iniziata nel 1632 con il regno di Fasilidas. A Gondar ci sono decine di castelli costruiti da vari imperatori nel corso di 236 anni. La città è più europea che africana e ha anche influenze islamiche.

 

10° GIORNO 03/10/2018: GONDAR / LALIBELA

Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto in tempo per il volo ET 122 delle ore 09.50 per Lalibela con arrivo previsto alle 10.20. Intera giornata dedicata alla visita della città e delle maggiori chiese rupestri. Al mattino visita delle prime sei chiese: la chiesa ipogea e cruciforme di San Giorgio; la chiesa di Bet Mariam con gli stupendi affreschi; le chiese di Bet Medhane Alem (la “casa del Salvatore del mondo”), Bet Meskel, Bet Danaghel, Bet Mika’el (meglio conosciuta come Bet Debre Sina-Bet Golgotha, che dovrebbe conservare la tomba di re Lalibela). Pranzo. Nel pomeriggio visita al secondo gruppo di chiese: Bet Gabriel, Bet Rufa’el, Bet Merkorios, Bet Aamanuel e Bet Abba Libanos. Incredibile il lavoro di scultura: questi blocchi monolitici di sono stati svuotati all’interno e scolpiti all’esterno per ottenere la forma del tetto, la facciata e le pareti; le stesse sono poi state traforate per ricavare porte e finestre. Le chiese sono comunicanti, cunicoli e passaggi scavati nella roccia le collegano una all’altra. Sistemazione al vostro hotel (Tukul Village, Mountain View, Maribella, Harbe o simili). Cena e pernottamento. Lalibela, una volta la fiorente capitale di una dinastia medievale, è ancora notevolmente e incredibilmente bella. La città è dominata dal picco del monte Abune Yousef. La leggenda afferma che in questa città, una volta chiamata Roha, una madre vide il suo bambino in una culla circondata da un denso sciame di api e visto che la fede etiopica crede che il mondo animale prevede l’avvento di personaggi importanti, ha chiamato suo figlio “Lalibela”, che significa “le api riconoscono la sua sovranità”.

 

11° GIORNO 04/10/2018: LALIBELA / AXUM

Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto in tempo per il volo ET 122 delle 10.40 per Axum con arrivo previsto alle ore 11.20. Sistemazione in hotel (Sabean o Yeha Hotel o simile). Subito dopo il pranzo visita del Museo, le rovine del castello del Re Kaleb, gli Obelischi di Axum, il Bagno e le rovine del Palazzo della Regina di Saba. Rientro in hotel. Cena e pernottamento. Axum sorge nella Regione del Tigrè, nella parte settentrionale dell’Etiopia. Si estende alle falde meridionali di un vasto altipiano, 17 km a ovest di Adua. Principale centro dell’Etiopia cristiana, fu la capitale del Regno di Axum, fiorente nel periodo intorno alla nascita di Cristo e che declinò a partire dal VII secolo in seguito alle incursioni dei Begia e a causa del predominio islamico sul Mar Rosso. Il regno di Axum era caratterizzato da una propria lingua e da uno stile architettonico unico, che ancora oggi si può ammirare in tutta la sua bellezza. Il sito archeologico di Axum, Patrimonio dell’Umanità Unesco, ospita infatti straordinari obelischi e stele, tombe di imperatori e rovine di antichi castelli, databili tra il primo e il tredicesimo secolo dopo Cristo. Le stele sono di notevole altezza, la più elevata misura 23 metri. Sul terreno si possono inoltre ammirare le rovine di una stele di 33 metri, considerata il monumento più alto mai eretto dall’uomo in epoca pre-moderna. Axum è anche una città simbolo di fede e devozione. Qui si trova infatti la cattedrale di Nostra Signora Maria di Sion, la chiesa più importante dell’Etiopia. Secondo la chiesa etiope ortodossa all’interno della cattedrale si troverebbe l’Arca dell’Alleanza, tale affermazione non può però essere verificata in quanto, essi dicono, l’Arca è un oggetto così sacro che a nessuno può essere permesso di vederla.

 

12° GIORNO 05/10/2018: AXUM / ADDIS ABEBA / ROMA

Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto in tempo per il volo ET117 delle 16.30 per Addis Abeba con arrivo previsto alle ore 17.50. Arrivo e prosecuzione per l’Italia con volo di linea ET734 in partenza alle 23.10. Pernottamento a bordo.

 

13° GIORNO 06/10/2018: ROMA

Arrivo a Roma previsto alle ore 04.10. Fine servizi.

 

Per prenotazioni e info 06-95550639    turismo@cralcomuneroma.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: