Cerca nel sito
CRAL 06-68809216 Turismo 06 - 95550639

Giochiamo a Burraco – Il libro di Gabriella Mattioli

Forse avete acquistato questo libro per pura curiosità, oppure non conoscendo il gioco del Burraco vi ha attratto o forse ne avevate sentito parlare.

Nelle pagine seguenti, troverete un fortunato cocktail   che proporrà un “nuovo modo di stare insieme”.

Il gioco del Burraco è molto apprezzato e praticato, ma poco teorizzato. La fortuna viene considerata la protagonista del gioco e quindi viene sottovalutato come gioco “logico”.

Vero è che le variabili sono tantissime ed il caso può smentire qualsiasi teoria, però una buona tecnica unita all’intuito possono migliorare, in percentuale, lo sviluppo del gioco della coppia.

Parlerò del gioco e della sua preparazione, in particolare delle partite a quattro giocatori, formula più usata nei tornei federali, ma anche di quelle da due fino a otto giocatori, esclusivamente usate nelle serate tra amici.

Parlerò delle regole di gioco nonché del loro rispetto, dell’importanza di essere parsimoniosi, ottimi osservatori, generosi ed educati con gli avversari.

Ma soprattutto cercherò di fare di Voi giocatori che non saranno dimenticati, rendendo il vostro gioco fluido, corretto ed astuto, sempre con l’ausilio della “Dea bendata”!

Per ulteriori informazioni e/o chiarimenti scrivete a: gabriellamattioli65@gmail.com sarò a Vostra disposizione e lieta di rispondere alle Vostre e-mail.

Buona lettura e buon divertimento a tutti.

Gabriella Mattioli

INTRODUZIONE

Origini e sviluppo

Il Burraco è un gioco tradizionale di carte che deriva dalla famiglia della Pinnacola e spesso, analizzando le sue origini, viene accomunato al gioco della Canasta.

Non è facile risalire con certezza alle origini del Burraco, la teoria più accreditata vede il gioco nascere in Sud America, in particolare in Uruguay, dove si è sviluppato intorno agli anni ’40.

Le origini del termine derivano con tutta probabilità dalla lingua portoghese, nella quale “buraco” significa “setaccio”.

Un termine che riassume le dinamiche del gioco, dove infatti le carte vengono filtrate e selezionate fino a scegliere quelle migliori per ottenere giochi validi.

 

Arrivo in Italia

Per quanto riguarda l’arrivo del gioco del Burraco nel nostro   paese, questo viene fatto risalire agli anni ’80 nell’Italia Meridionale.

La regione di prima accoglienza sembrerebbe la Puglia.

Inizialmente il gioco fu praticato soprattutto nei salotti e nei bar in particolare dalle signore, principali estimatrici.

Nelle prime fasi di sviluppo il gioco si caratterizza per essere tramandato attraverso passa parola, ciò finisce per comportare inevitabili modifiche nel regolamento, infatti, subiva diverse versioni da città in città e da coloro che, nell’intento di insegnarlo, ne apportavano modifiche.

Tale incertezza sulle regole del Burraco fece sì che queste cambiassero anche di tavolo in tavolo. Successivamente, con la diffusione nel nostro paese, si passò ad una codifica del gioco con un regolamento che gli diede l’ufficialità necessaria.

Il Burraco, all’apparenza potrebbe sembrare un gioco molto semplice, ma necessita di attenzione, memoria e un pizzico di fortuna…

E’ un gioco avvincente, una volta apprese le regole fondamentali ci si spinge alla ricerca di tecniche raffinate, all’affiatamento con il partner, allo studio del gioco degli avversari.

Con la stesura di Regolamenti certi e riconosciuti, si poté anche dare il via ai primi tornei organizzati per appassionati.

Oggi il Burraco rappresenta una realtà affermata e diffusa in tutta Italia con la presenza di numerose associazioni che hanno reso necessario il riconoscimento delle stesse come ASD Associazioni Sportive Dilettantistiche affiliate alle Federazioni che ne coordinano le attività ed organizzano tornei a livello nazionale.

Le associazioni organizzano periodicamente tornei in circoli sportivi o culturali, ristoranti o alberghi e propongono week-end e settimane di vacanza in cui sono proposte serate di gioco.

Inoltre, è possibile giocare “on line” per coloro che, per motivi di tempo o libera scelta, preferiscono collegarsi ai numerosi siti disponibili su Internet.

L’approdo del gioco sul web apre la strada a nuove forme di sviluppo dello stesso grazie ai dispositivi mobili.

Il successo del Burraco è dovuto al fatto che coinvolge giocatori di tutte le età che desiderano divertirsi e trascorrere simpatiche serate in piacevole compagnia.

Aurora Roncacci

 

Lascia un commento

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: